MARTEDì 29 MAGGIO 2018

L’economia circolare è sulla bocca di tutti.
Sostenibilità della produzione di beni e servizi, volatilità dei prezzi delle materie prime e dei combustibili fossili, produzione di rifiuti: l’economia circolare può dare un enorme contributo alla soluzione di questi problemi. E può rappresentare una innovazione radicale e responsabile nei modelli di business.

Fondazione Symbola ha individuato e raccolto in un libro 100 storie, che insieme raccontano come il nostro Paese sia – quasi in modo insospettabile – all’avanguardia su temi cruciali come la sostenibilità ambientale, la gestione della scarsità delle risorse e il contrasto ai cambiamenti climatici. 100 storie rese possibili da ricerca, innovazione, tecnologia, competenza, formazione avanzata. Abbiamo chiamato a raccolta alcuni dei protagonisti di queste storie, perché ce le raccontino loro stessi.
Interverranno l'Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Gabriele Archetti - Fondazione Cogeme, Ermete Realacci e Domenico Sturabotti - Fondazione Symbola, Carlo Montalbetti - Comieco, Fabio Terragni - Alchema, Albin Kaelin - EPEA CH (Environmental Protection Encouragement Agency), Emilio Genovesi - Material ConneXion e alcune case history.




La giornalista Marta Abbà su Omnimilano start up ha scritto un pezzo dedicato a Co+Fabb e ad alcuni cofabber, parlando di Industria 4.0.

Manifattura e innovazione si incontrano, poco lontano dal confine con Milano, in un luogo dove le nuove aziende e le startup del settore possono trovare servizi e supporto e le imprese già operative sui mercati riescono ancora a sperimentare, seguendo i progetti fin dall’inizio. Questo luogo si chiama Co+Fabb, ha il cancello rosso che spicca in un panorama dai toni grigi, da hinterland, e dentro ne ospita “di tutti i colori”.
Nei suoi oltre 4.000 mq di spazio ci sono infatti realtà molto varie, ma tutte interessate a stare in un luogo di lavoro condiviso e collaborare con altre aziende con la stessa mentalità.

Una che si occupa di droni – In The Air – collabora con “la vicina di ufficio” che opera in ambito sanitario – Mobiix: assieme realizzano un servizio 4.0 di riconoscimento etichette in magazzino, con droni al posto di persone.

E’ solo un esempio di ciò che può succedere quando nello stesso spazio manifattura e innovazione convivono contaminandosi in modo virtuoso. Co+Fabb è nata proprio perché ciò accada, consapevole che se oggi le PMI incontrano maggiori difficoltà nell’acquisire competenze e tecnologie, allo stesso tempo sono quelle per cui è e sarà presto un processo inevitabile per sopravvivere.

Nella mission di Co+Fabb c’è anche quella di fornire servizi, informazioni e supporto soprattutto alle imprese neo nate. Tra le collaborazioni avviate, quella con CNA risponde a questa esigenza con uno sportello per il welfare di comunità “per erogare servizi ad aziende e lavoratori, per dare informazioni sulle tante forme contrattuali che un tempo non c’erano, e sostegno su temi come i diritti dei lavoratori” spiega Fabio Terragni, founder di Co+Fabb, citando la collaborazione con Felsa CISL (Federazione Lavoratori Somministrati Autonomi ed Atipici).
Proprio le nuove forme di organizzazione aziendale sono un punto critico, secondo Terragni, che rende i lavoratori e le stesse imprese più deboli, soprattutto in fase di avvio. Deboli ma grintose e motivate, a sentire la sua esperienza, ed è per questo che Co+Fabb vuole supportarle “mettendo i lavoratori delle aziende ospiti nella condizione di poter godere dei servizi che un tempo venivano offerti dalle grandi realtà”. Co+Fabb potrebbe permettersi di fare ciò che un tempo con il CRAL facevano quelle “super aziende” che oggi non esistono più in quella forma.
E’ vero che il non essere nel comune di Milano “vuol dire tanto” perché non si gode degli stessi sostegni che il capoluogo prevede per simili spazi situati nei suoi confini municipali, ma la sede a Sesto San Giovanni è una posizione che strategica e unica. E’ nel baricentro della Città Metropolitana ma in grado di attirare realtà anche da zone più a Nord, dalla Brianza, per esempio, avviando un processo di reinsediamento manifatturiero urbano di tipo innovativo di cui altre metropoli europee stanno già raccogliendo i frutti.
Senza rimpianti, quindi, per quelle centinaia di metri che lo separano da Milano. Co+Fabb guarda avanti e a 360 gradi attorno a sé, entro 12 mesi mira a fare il pienone negli uffici, ad avviare il birrificio artigianale a piano terra, vicino al bar, e ad allestire uno spazio per la manifattura 2.0 in stile laboratorio con stampa 3D e non solo.

di Marta Abbà


Le ultime news

PRODUZIONI URBANE - I nuovi luoghi del lavoro
Il 23 marzo 2018 presso lo Spazio MIL si è tenuto un nuovo appuntamento legato al tema delle Produzioni Urbane. In collaborazione con Magutdesign e Laboratorio DAGAD: una giornata per riflettere su come cambiano la produzione e il lavoro e come collocarli nei nuovi spazi che la Metropoli milanese offre. Clicca qui per approfondire.

Venite a trovarci in Co+Fabb!

Co+Fabb è in zona Bicocca/Carroponte; una nuova formula di co-working dedicato alle piccole imprese innovative, con spazi anche per liberi professionisti, creativi, start up, nuovi artigiani. In totale sono oltre 4000 mq dedicati alla produzione e alla collaborazione. A breve anche una grande novità! Stay tuned!

Vi aspettiamo in via Carducci, 39 a Sesto San Giovanni.


www.cofabb.it


In evidenza

  • SIEC - Systems Integration Experience Community Alchema, in qualità di Segreteria Generale,  supporta lo sviluppo dell'Associazione SIEC.SIEC raccoglie produttori e operatori di tecnologie per l’installazione e integrazione di sistemi audio video e controllo ...
    Posted Apr 6, 2018, 3:05 AM by Sara Iacovaccio
  • Spazi disponibili in Co+Fabb Disponibili immediatamente in Co+Fabb:4 uffici (livello 1) raggiungibili tramite scale, ascensore e rampa carrabile dalle seguenti metrature:no.1 di circa 20 mqno.1 di circa mq ...
    Posted Oct 14, 2016, 3:12 AM by Sara Iacovaccio
  • Verso un'economia circolare Alchema ha firmato un accordo di partnership con EPEA Svizzera, per promuovere e sviluppare anche in Italia l’approccio conosciuto a livello internazionale come Cradle to Cradle (C2C). Alla base ...
    Posted Oct 14, 2016, 2:28 AM by Sara Iacovaccio
  • Infomobilità e Free Flow Un’informazione precisa e puntuale sullo stato del traffico e dei servizi di trasporto pubblico può migliorare in modo significativo la capacità di infrastrutture e mezzi. Non solo: può aiutare ...
    Posted May 19, 2014, 1:34 AM by Sara Iacovaccio
  • Boat Ecology Eco-Efficiency in the Yachting WorldBoat Ecology è un progetto sviluppato in rete d’impresa, il cui obiettivo è rendere più eco-compatibile il mondo della nautica da diporto ...
    Posted May 19, 2014, 1:34 AM by Sara Iacovaccio
Showing posts 1 - 5 of 5. View more »